FEDERAZIONI E ASSOCIAZIONI ADERENTI

 C.A.P.IT.

  

FEDERAZIONI E ASSOCIAZIONI ADERENTI

 C.A.P.IT.

  

Fiaf (federazione italiana arti figurative)

                            

Enat (ente nazionale arti e tradizioni popolari)

 

Fiasp (federazione italiana attività sportive)

 

Fial (federazione italiana attività letterarie)

 

Capitour (turismo)

 

Federazione italiana Enogastronomica

 

Capit circoli (Federazione Nazionale Circoli)

 

Centro Studi Giuridici

 

Amibec (associazione amici beni culturali)

 

F.I.S.PE. – Federazione Italiana Sport e Pensionati                                                                          

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

                                           

C.A.P.IT.

 Confederazione di Azione Popolare Italiana

  Ente assistenziale D.M.

dell’Interno n. 1027850/12000.A(68)

Ente di promozione sociale

Decreto  D.M. del Lavoro e Politiche Sociali n. 3/2000

 

 


 

S T A T U T O

 

DENOMINAZIONE  -  SEDI  -  SCOPI

 

ART. 1

 

            E’ costituita con sede a Roma, via Sistina, 23 la “Confederazione di Azione Popolare Italiana” (C.A.P.IT).

            La C.A.P.IT. sarà, negli articoli dello statuto, denominata Confederazione.

            La stessa svolge la propria attività su tutto il territorio nazionale.

 

ART. 2

 

            La Confederazione esclude ogni finalità di lucro.

            Essa si propone di perseguire esclusivamente finalità di solidarietà e assistenza sociale e legale, anche nei confronti di enti previdenziali, e di elevazione culturale dei cittadini nonché di arrecare benefici, tra gli altri,  ad emigrati all’estero ed a persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e familiari promovendo,  il consolidamento, la diffusione e lo sviluppo degli organismi operanti nell’ambito delle attività ricreative, sociali e di volontariato, culturali e teatrali, delle espressioni artistico-sportive e turistiche.

            A tal  fine   provvede:

a)      a rappresentare le Federazioni nei confronti degli Organi di Governo, delle Pubbliche Amministrazioni, degli Enti locali, dei terzi, per quanto concerne esclusivamente la loro attività;

b)      a favorire il potenziamento delle attività svolte dalle  Federazioni;

c)      a promuovere, attuare e concorrere alla realizzazione di qualunque iniziativa che, nell’ambito delle finalità statutarie, tenda ad assicurare la tutela o lo sviluppo delle attività di tempo libero;

d)      a studiare i problemi legislativi, economici ed organizzativi connessi alle attività di tempo libero e di promozione sociale;

e)      a promuovere convegni, dibattiti, attività di studio e di formazione, iniziative editoriali e pubblicazioni che rientrino nelle finalità istituzionali.

 

SOCI

 

ART. 3

 

            Sono soci effettivi della C.A.P.IT. le Federazioni che riuniscono le Associazioni operanti sul territorio nazionale, nel quadro delle attività culturali, artistico, sportive, ricreative e turistiche, sociali e di volontariato.

 

ART. 4

 

La domanda scritta di ammissione a socio di ogni singola Federazione deve esser rivolta al Consiglio Nazionale e contenere a pena di nullità la dichiarazione di aver preso conoscenza del presente statuto e l’accettazione di tutte le disposizioni previste dal medesimo.

Ciascuna Federazione aderente non può far parte di organizzazioni in contrasto o incompatibili con il presente statuto.

L’ammissione a socio effettivo così come l’esclusione viene deliberata inappellabilmente  a cura dell’Assemblea  Nazionale.

Le Associazioni facenti capo alle singole Federazioni riceveranno il certificato di adesione a cura della Federazione di appartenenza.

L’adesione delle Federazioni alla CAPIT è subordinata alla sussistenza nel rispettivo statuto dei principi in materia di assenza di fini di lucro, adozione dei principi di democrazia, partecipazione e collegialità, trasparenza amministrativa, titolarità e parità di diritti sostanziali in capo a tutti gli associati, siccome delineati nell’art. 3 legge 7 dicembre 2000, n. 383, disciplina richiamata e al cui contenuto il presente statuto si adegua integralmente.

L’osservanza delle presente disposizione viene verificata dall’Assemblea Nazionale cui le Federazioni hanno l’obbligo di trasmettere il proprio statuto e le eventuali modificazioni.

 

ORGANI DELLA CONFEDERAZIONE

 

ART. 5

 

            Sono organi della Confederazione:

-         Assemblea Nazionale;

-         Consiglio Nazionale

-         Presidente Nazionale;

-         Segretario Generale;

-         Collegio Revisori dei Conti;

-         Collegio dei Probiviri.

 

ART. 6

 

ASSEMBLEA NAZIONALE

 

            L’Assemblea Nazionale è composta dai Presidenti delle Federazioni democraticamente eletti. Fanno parte di diritto il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario Generale nonché il Presidente del Collegio dei Probiviri.

            L’Assemblea Nazionale:

a)      delibera sulle direttive intese a realizzare i fini della Confederazione; elabora ed approva i piani annuali di attività;

b)      provvede alla elezione del Presidente, del Vice Presidente, del Segretario Generale, dei Revisori dei Conti e dei Probiviri, i quali restano in carica per cinque anni e possono essere confermati;

c)      elegge  i Presidenti Regionali e Provinciali;

d)      nomina, nei casi previsti e ove necessario, i Commissari delle Federazioni aderenti;

e)      approva le modifiche  allo statuto;

f)        approva a maggioranza i bilanci annuali (preventivo e consuntivo adeguatamente pubblicizzati);

L’Assemblea Nazionale è convocata presso la sede legale della CAPIT dal Presidente mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento, in via ordinaria almeno due volte l’anno, per l’approvazione del bilancio preventivo e consuntivo o, in sede straordinaria,  a richiesta di un terzo dei suoi componenti ed ogni qualvolta che sarà ritenuto opportuno o necessario;

Le deliberazioni sono valide se approvate dalla maggioranza (metà più uno) dei partecipanti. Non è ammesso il voto per corrispondenza.

E’ presieduta dal Presidente o in sua assenza dal Vice Presidente, in assenza di entrambi dal componente dell’Assemblea più anziano per età. Svolge le funzioni di Segretario dell’Assemblea il Segretario Generale della CAPIT.

 

ART. 7

 

CONSIGLIO NAZIONALE

 

Il Consiglio Nazionale è composto dal Presidente, dal Vice Presidente e dal Segretario Generale.

Il Consiglio Nazionale :

a)      designa i rappresentanti della C.A.P.IT. in seno agli organismi ove espressamente previsti o richiesti;

b)      adempie a tutte le attribuzioni previste da leggi, regolamenti e disposizioni in materia statutaria;

c)      esamina lo statuto delle Federazioni aderenti.

Svolge le funzioni di Segretario un dipendente della CAPIT.

 

ART. 8

 

IL PRESIDENTE

 

Il Presidente ha la legale rappresentanza della Confederazione di fronte allo Stato, Pubbliche Amministrazioni, Enti locali, Società, Enti e Privati;

-         esercita la gestione della Confederazione;

-         stabilisce annualmente la misura della quota sociale;

-         convoca e presiede l’Assemblea dei soci e il Consiglio Nazionale;

-         stabilisce gli argomenti da portare in discussione all’Assemblea dei soci e al Consiglio Nazionale e vigila sull’esecuzione delle sue deliberazioni;

-         firma, impegna, riscuote, quietanza, in nome e per conto della Confederazione;

-         prende in caso di urgenza tutti i provvedimenti occorrenti, salvo riferirne per la ratifica del Consiglio Nazionale;

-         delega le proprie attribuzioni, in tutto o in parte, al Vice Presidente o al Segretario Generale;

-         conferisce funzioni e compiti al personale dipendente;

-         predispone il bilancio di previsione e consuntivo;

-         propone la elezione del Segretario Generale,  dei Presidenti Regionali e Provinciali C.A.P.IT. e,  ove necessario, la nomina dei Commissari delle Federazioni aderenti e strutture periferiche CAPIT. Nel caso in cui provveda direttamente alla nomina dei Presidenti Regionali e Provinciali questa ultima sarà sottoposta all’Assemblea Nazionale per la eventuale elezione degli stessi.

 

ART. 9 

 

IL SEGRETARIO GENERALE

 

            Il Segretario Generale della Confederazione è eletto dall’Assemblea Nazionale su proposta del Presidente e gli sono attribuite le seguenti funzioni:

a)      coordinamento delle iniziative della Confederazione;

b)      esecuzione delle deliberazioni adottate dagli organi della Confederazione;

c)      esercizio delle funzioni delegate dal Presidente Nazionale;

d)      responsabilità di tutte le operazioni ed adempimenti di carattere amministrativo, tributario e contabile.

 

ART. 10

 

REVISORI DEI CONTI

 

            La gestione della Confederazione è controllata da un Collegio di tre Revisori dei Conti eletti  dall’Assemblea Nazionale  tra i quali è scelto il Presidente.

            Essi durano in carica cinque anni e possono essere confermati. Il Presidente dei Revisori dei Conti partecipa di diritto alle riunioni dell’Assemblea Nazionale  e del Consiglio Nazionale con voto consultivo.

 

ART. 11

 

COLLEGIO DEI PROBIVIRI

 

            Il Collegio dei Probiviri è composto da un Presidente e da due membri eletti dall’Assemblea di specchiata moralità e rettitudine.

            Essi durano in carica cinque anni e possono essere confermati.

Il Presidente è componente di diritto dell’Assemblea Nazionale della CAPIT.

            Il Collegio dei Probiviri ha il compito di dirimere le controversie tra  i soci e la C.A.P.IT. in materia disciplinare.

 

ART. 12

 

ORGANI PERIFERICI

     

      Sono organi periferici della Confederazione:

-         il Presidente Regionale;

-         il Presidente Provinciale.

I Presidenti Regionali e Provinciali, eletti dall’Assemblea Nazionale, sono preposti al controllo sul territorio di competenza dell’adempimento degli obblighi derivanti dallo statuto nazionale e dalle vigenti disposizioni in capo alle Federazioni aderenti alla CAPIT. Gli organi periferici provvedono inoltre  all’esecuzione delle direttive della Assemblea e del Consiglio Nazionale della Confederazione e concorrono a promuovere la realizzazione di iniziative a carattere locale.

            Gli organi periferici sono dotati, nei confronti della Presidenza Nazionale CAPIT e di altri organismi, di piena e completa autonomia amministrativa, tributaria, giuridica, patrimoniale, organizzativa e funzionale.

 

ART. 13

 

I  PRESIDENTI REGIONALI

 

            I Presidenti Regionali  vengono eletti dall’Assemblea  Nazionale su proposta del Presidente Nazionale e durano in carica cinque anni. Possono essere eletti  per un anno. Possono infine essere confermati.

Sono compiti del Presidente Regionale:

-         stabilire, convocare i responsabili CAPIT e Federazioni aderenti in sede regionale per le  modalità di attuazione nell’ambito del territorio di  competenza, dei programmi generali e delle direttive della Presidenza Nazionale nonchè delle iniziative a carattere locale e delle Federazioni affiliate conformemente agli scopi statutari;

-          coordinare in sede regionale le Federazioni aderenti;

-         vigilare sulle Federazioni affiliate.

 

ART. 14

 

I PRESIDENTI PROVINCIALI

 

I Presidenti Provinciali vengono eletti dall’Assemblea Nazionale su proposta del Presidente Nazionale e durano in carica cinque anni. Possono essere eletti per un anno. Possono infine essere confermati.

Sono compiti del Presidente Provinciale:

-         stabilire, convocare i responsabili CAPIT e Federazioni aderenti in sede locale per le modalità di attuazione nell’ambito del territorio di competenza, dei programmi generali e delle direttive della Presidenza Nazionale nonché delle iniziative a carattere locale e delle Federazioni affiliate conformemente agli scopi statutari;

-         coordinare in sede provinciale le Federazioni aderenti;

-         vigilare sulle Federazioni affiliate.

 

ART. 15

 

TESSERAMENTO

 

            La tessera C.A.P.IT. è unica per tutte  le singole Federazioni aderenti  alla Confederazione ed è valida soltanto per l’iscritto alle Federazioni affiliate del cui legale rappresentante porterà la firma.

Il diritto di voto alle Federazioni aderenti è comunque subordinato al versamento di tutte le pregresse annualità compresa quella dell’anno in corso. Detta quota è intrasmissibile e non rivalutabile. Viene esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

            Le modalità delle operazioni di tesseramento, da attuare a cura delle Federazioni aderenti, saranno annualmente stabilite dal Presidente Nazionale, sentita l’Assemblea Nazionale.

 

ART. 16

 

PATRIMONIO DELLA CONFEDERAZIONE

 

            Il patrimonio della Confederazione è costituito dai beni immobili e dai valori che, per acquisti, lasciti e donazioni, contributi e per qualunque altro titolo provengono alla Confederazione.

            Le entrate della Confederazione sono costituite:

-         dai proventi del tesseramento effettuato dalle Federazioni;

-         da contributi di Pubbliche Amministrazioni, Associazioni e Privati.

In caso di scioglimento per qualsiasi causa il patrimonio sarà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art.13, comma 190, della L.23 dicembre 1996, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

 

ART. 17

 

CARICHE

 

            Tutte le cariche della Confederazione sono volontarie e gratuite.

            E’ vietato distribuire ai soci anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitali.

Gli eventuali utili e avanzi di gestione saranno reinvestiti in attività istituzionali.

 

ART. 18

 

            Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto si rinvia alle disposizioni di leggi speciali ed a quelle del Cap. II e III del Titolo II  del libro I del Codice Civile.

 

ART. 19

 

Norme transitorie

 

Le operazioni del tesseramento saranno svolte secondo la normativa pregressa in attesa dei complessi adempimenti previsti dal nuovo statuto.

 

 

Statuto adottato con deliberazione dell’Assemblea Federale del 10 febbraio 1977, modificato, da ultimo, il 27 ottobre 2010 e 16 dicembre 2010

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::